COVID2019: Assegno urgente per le categorie dimenticate

COVID2019: Assegno urgente per le categorie dimenticate

Aprile 4, 2020 Comunicati Stampa 0

La proposta avanzata del Commissario straordinario per la Regione Calabria, Luigi Catalano, ha colpito nel segno: “Anche i lavoratori in nero, quelle ampie fasce di popolazione che non riescono a trovare un impiego regolare (spesso per un’eccessiva imposizione fiscale che ne ostacola l’assunzione) hanno bisogno di sostegno da parte dello Stato in questo periodo di grave emergenza“.

Per il servizio televisivo, pubblicato sulla pagina Facebook di Luigi Catalano CLICCATE SUL LINK QUI RIPORTATO: https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2329937587308089&id=1810735125895007?sfnsn=scwspwa&d=w&vh=e&extid=75adKRCOvWrb9KUD&d=w&vh=e

Ecco il testo della lettera aperta di Luigi Catalano al Presidente Conte ed a tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione, che ha determinato il cambiamento e l’ampliamento del contributo per i lavoratori.

“Tutte le categorie che non rientrano nel decreto e che sono quelle più bisognose sono state ignorate: Disoccupati, lavoratori occasionali/stagionali, i soggetti che hanno perso il lavoro e che non usufruiscono più dell’assegno di disoccupazione (ed oggi non hanno diritto neanche al reddito di cittadinanza), i senza tetto (che vivevano di elemosina e adesso non hanno neanche pochi spicci per mangiare, anche, a causa del numero ridotto degli Italiani in circolazione), infine i lavoratori in nero (tutti sappiamo che esistono) che in buona parte contribuiscono alla quotidianità dell’Italia. Non avete avuto il coraggio di considerali perché avete fatto prevalere il giustizialismo!!!

La Vostra scelta ha ingenerato un grande e gravissimo problema sociale!!! Al quale è urgente porre rimedio!!! Bisogna mettere da parte chiacchiere e demagogia. Adesso è indispensabile passare al pragmatismo: per il decreto “Cura Italia” in questo momento di emergenza è urgente disporre l’erogazione di un assegno per ogni nucleo familiare senza rendita (ma attenzione: non senza reddito negli ultimi due anni, come di solito leggiamo nei vari decreti es. reddito di cittadinanza).”

Il sostegno deve essere distribuito a chiunque (poiché chiunque in questo momento di emergenza si trova senza entrate economiche) e fino alla cessazione della necessità”.

Tale provvedimento, se confermato, ridarà potere di acquisto agli Italiani e le imprese di riflesso risentirebbero di meno la crisi nelle vendite, con conseguente minore necessità di sostegno da parte dello Stato.

Proposte concrete e serie dal “Movimento per le Destre Unite”!